Il voto del 24 e 25 febbraio 2013 a Tito.

Risultati Camera dei Deputati
Risultati Senato della Repubblica

 

Commenti (0) Visualizzazioni: 2663

Riportiamo integralmente il duello a mezzo stampa tra i due giovani esponenti della politica titese (entrambi iscritti a Titonline).
L'episodio dei danneggiamenti dovuti al maltempo della recente copertura del campetto di calcetto ha ispirato la lettera di Fabio Laurio (Pd), cui ha poi replicato Pasquale Santopietro (Cristiano-Popolari). Gli argomenti, come si può leggere, vanno oltre.

Commenti (0) Visualizzazioni: 3107

Il sindaco di Tito, Pasquale Scavone, ha scritto una nota indirizzata al Prefetto di Potenza, a Poste Italiane e all'Anci Basilicata in cui denuncia «la sospensione di pubblico servizio dell'ufficio postale di Tito nella giornata del 7 febbraio 2012 e parzialmente nella giornata di sabato 4 febbraio 2012».

Commenti (1) Visualizzazioni: 2769
don-lino-moscarelli2012_w240Peja/Pec (RKS), 22 gennaio 2012. I militari italiani del Multinational Battle Group West (Mnbg W), agli ordini del col. Andrea Borzaga, si ritrovano intorno al nuovo pastore appena giunto in teatro. Don Pasquale proviene dal Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione in Torino, dove svolge il suo ministero sacerdotale.
Don Moscarelli, 34enne, originario della Lucania, precisamente di Tito (Pz), ha frequentato il seminario dell'Ordinariato militare conseguendo i suoi studi filosofici e teologici presso la Pontificia Università Gregoriana in Roma. Nel 2008 viene consacrato sacerdote nella pontificia basilica di Santa Maria Maggiore in Roma da S.E. mons. Vincenzo Pelvi, Ordinario Militare per l'Italia.

quotidiano11102011_risalendotito_w300Né vermi, né trote, né capitoni, né rane e neppure i rospi, i più duri a morire: come mai Acqedotto ha regalato acqua alla fiumara?

Caro sindaco di Tito, venerdì 30 settembre 2011 ho deciso di andare a visitare la fiumara del suo paese ed in particolare i posti dove pescavo 40 anni fa. Deve sapere che mia madre è nata a Tito e, quando si è sposata, si è trasferita definitivamente a Potenza. Anche allora il fascino della vita in città attraeva una giovane donna, figlia di contadini. Quando ero bambino mi portava con il "postale" a Tito, quello che nelle curve suonava facendo "popi popi".

Commenti (4) Visualizzazioni: 2805

Tito ora è "città". Lo ha sancito un atto ufficiale del Presidente della Repubblica e le Autorità presenti in piazza il 28 giugno alla cerimonia pubblica: ora, scendendo verso il paese, a qualche centinaio di metri dall'ingresso, sulla strada statale spicca un bel cartello Bianco "Città di Tito".

tratto da Il Quotidiano della Basilicata

Commenti (0) Visualizzazioni: 2730

quotidiano-30032011_campetto_w300La denuncia del Pd in merito ai lavori della struttura

«A quando l'ultimazione dei lavori per la struttura del campo di calcio a 5 e chi pagherà oltre alla popolazione errori e ritardi?» 

Commenti (7) Visualizzazioni: 3030

Sembrava impossibile fino a qualche anno fa.
Invece, in seguito ad un duro percorso, l'ex centro polifunzionale apre finalmente i battenti.

 

Commenti (0) Visualizzazioni: 2341

nuova-folinodialetto_w300«Ma quel signore che parla in dialetto è presidente del Consiglio regionale?»

«Figuriamoci se avesse saputo che ho anche un brutto carattere»

Curioso botta e risposta pubblicato dalla Nuova del Sud.
Il discorso citato è stato pronunciato a Tito, l'8 dicembre, in occasione delle accensioni delle luci dell'albero di Natale sulla Torre di Satriano organizzata dall'Anspi.

Commenti (5) Visualizzazioni: 3187

I ladri hanno trafugato tutte le statue custodite nella Chiesetta della Madonna delle Grazie. Il presidente del Comitato feste, Cecchino Satriano, si è subito impegnato in una raccolta fondi per l'acquisto di una nuova statua della Madonna

Commenti (0) Visualizzazioni: 2497

quotidiano-201010-commercio_w300Per risolvere i problemi Scavone suggerisce "l'unione"

Commenti (0) Visualizzazioni: 2071

quotidiano-161010-rapina_w300Manca poco alle 13 quando un uomo entra nella "Banca per lo sviluppo della cooperazione". Immediatamente dopo aver fatto ingresso nell'istituto di credito, che si trova lungo la strada principale di Tito, caccia di tasca un taglierino e minacciando l'addetto alla cassa si fa consegnare tutto quello che al momento si trovava nella cassa; circa 12.000 euro. Presi i soldi, come se niente fosse, è uscito.

Commenti (0) Visualizzazioni: 2193